Pane con Tutti i Semi a Lievitazione Naturale, cotto in Pentola Fornetto

image

 

 

Per Pasqua è tradizione qui da noi preparare Pizze dolci e di Formaggio da mangiare la mattina per la colazione di Pasqua (ma anche per il pranzo va benone).

Quest’anno mia Mamma ha deciso di Pizzificare (si potrà dire?!?), ma sderazzando dalle ricette delle nonne, si è lanciata ed ha preso direttamente la ricetta da un panettiere umbro, unico problema…serve la pasta madre!

 

 

image

 

 

Ora, premesso che mia madre sta alla cucina come la Cana sta allo sport, dopo averle spiegato cosa fosse la pasta madre e che, no, non si può fare un paio di giorni prima, sorgeva un problema…da brava food-blogger ero ovviamente pasta-madre-munita, ma la mia pasta era giovanissima, neanche un anno, cominciata a novembre in previsione dei panettoni del 2016 quindi del tutto impreparata ad un esame di cotanta importanza…che fare?!?

 

image

 

 

Ci ho riflettuto su poi ho avuto un colpo di genio…anche se per una mente normale sarebbe stato il chiaro epilogo a questo dilemma…chiedere alla mia Panettiera di fiducia!

Ed ecco che titubante entro nel forno e chiedo alla signora se per caso avessero un pezzettino di pasta madre da adottare, minuscolo, in fasce andrà benissimo, la nutrirò fino a farla diventare bella grande e resistente (forte anche per affrontare mia mamma, che stranamente è stata rapita da questa pasta e ora a preso a rinfrescare con costanza…miracoli della Pasqua)…riesco ad averne un pezzetto, avvolta nella carta oliata come fosse un piccolo lenzuolo, corro a casa, non vedo l’ora di vedere come si comporta una pasta adulta, in forza… e comincio una serie di rinfreschi che avremmo potuto fare pizze di Pasqua per l’intero paese!

 

 

image

 

Come ovvio la mia giovane pasta madre all’arrivo della nuova arrivata ben più in forza e arzilla si è trasformata in fantastici cracker…è la dura legge della natura che ci volete fare…

Finite le Pizze l’euforia per cotanta forza non è ovviamente finita, rinfrescare e veder crescere la tua creatura in neanche 2 ore, vi assicuro, non ha prezzo, e alla fine ho preso coraggio…ho panificato, un pane a lievitazione totalmente naturale, pieno di semi e cotto nella pentola fornetto, che il caldo comincia a farsi sentire e il forno comincia diventare una dispensa…

Io ne sono rimasta estasiata, sarà che nutrivo forti aspettative ma, insomma lo so è solo un pane ma vi assicuro che è ottimo, da solo o in compagnia, si mantiene tanto e poi…è il mio primo pane fatto interamente con la pasta madre quindi che vi devo dire…io sono orgogliosa!!!

Io ho usato una Farina con W 330, del Molino Rossetto,  con la quale avevo fatto anche gli ultimi due rinfreschi, provatelo e ditemi che ve ne pare 😉

 

 

image

 

 

Pane con Tutti i Semi a Lievitazione Naturale, cotto in Pentola Fornetto
Author: Pepper
Prep time:
Cook time:
Total time:
Ingredients
  • 500 g di Farina 330 W
  • 250 g di Acqua
  • 150 g di Pasta Madre (rinfrescata 2 ore prima)
  • 6 g di Sale
  • 1 Cucchiaino di Malto d’Orzo (o Miele)
  • 20 g di Olio Extravergine di Oliva
  • 1 Cucchiaino di Semi di Papavero
  • 1 Cucchiaino di Semi di Girasole
  • 1 Cucchiaino di Semi di Chia
  • 1 Cucchiaino di Semi di Lino
  • 1 Cucchiaino di Semi di Sesamo
Instructions
  1. Nella ciotola della Planetaria (o in una ciotola normale se si impasta a mano) mettere la Pasta Madre, l’acqua e il malto e cominciare ad impastare, aggiungere gradualmente la farina e continuare ad impastare fino a quando non avrete ottenuto un composto omogeneo.
  2. Aggiungere l’olio, il sale e i semi, continuare ad impastare fino ad arrivare ad incordatura, l’impasto dovrà staccarsi dalle pareti della planetaria (o non rimanere appiccicato alle mani).
  3. Trasferire l’impasto sul piano di lavoro e dividerlo in 6 parti, arrotondare ogni pallina di impasto.
  4. Ungere la pentola fornetto, infarinare con abbondante semola e posizionare le palline di impasto, coprire il tutto con pellicola e mettere a lievitare in un luogo caldo fino al raddoppio di volume.
  5. Una volta lievitato l’impasto togliere la pellicola, chiudere la pentola fornetto con il suo coperchio e mettere sul fornello più piccolo a fiamma alta per i primi 5 minuti, poi abbassare al minimo e cuocere per altri 50 minuti, controllare lo stato di cottura sollevando il coperchio.

 

 

image

2 Comments

  • Reply
    giulia
    18 Maggio 2015 at 11:57

    wow…sembra buonissimo!!! ti abbraccio!!

    • Reply
      Pepper's Matter
      29 Maggio 2015 at 12:20

      in effetti lo è 😉
      un abbraccio 🙂

    Leave a Reply