Maccaroni di Canepina alle castagne alla boscaiola

fieno-castagne-salsiccia

Di nuovo su questi schermi per parlarvi di un prodotto tipico delle mie zone, che scommetto pochi di voi conoscono, anche perché, e che qualcuno mi smentisca se sbaglio, non si trova nella grande distribuzione, quindi per una volta, il mio essere immersa nel quasi nulla gioca decisamente a mio favore, sto parlando dei “Maccaroni Canepinesi o Fieno di Canepina” del Pastificio Fanelli, in questa circostanza specifica sono dei Maccaroni alle castagne conditi alla boscaiola, quindi funghi e salsiccia…se winter is coming e non vuole manco andarsene allora tanto vale approfittare!

Il Maccarone Canepinese è una preparazione tipica della zona di Canepina e di tutta la Tuscia Viterbese, è una sfoglia all’uovo sottilissima che viene lavorata artigianalmente, utilizzando solo grani selezionati e uova fresche e tagliata poi a coltello, lasciata essiccare almeno 48 ore prima di essere confezionata, sempre rigorosamente, a mano.

fieno-castagne-funghi e salsiccia

Ho avuto il piacere di assistere alla preparazione di questa pasta, una vera e propria danza nella tradizione, i movimenti che si susseguono con un ritmo quasi musicale, il taglio, la stesura e infine l’attesa, che si secchi, per essere conservata nel tempo, una tradizione immutata nel tempo che si riesce ad apprezzare ad ogni boccone. Tradizione che si incontra con l’innovazione, nella scelta delle farine, non solo farina di grani antichi, ma anche di canapa o come in questo caso farina di castagne, per caratterizzare ogni prodotto con un sapore deciso, in grado di incontrare condimenti tra i più diversi e disparati.

Peculiarità di questa pasta è che viene cotta per soli 2, 3 minuti al massimo e poi va fatta asciugare su dei canovacci puliti, in modo da eliminare l’acqua in eccesso e far si che riesca ad assorbire una quantità di condimento maggiore, condimento che da tradizione è un ragù con del pecorino spolverato sul momento.

fieno-castagne-funghi e salsiccia

Sul fieno e sulla sua preparazione ogni famiglia ha il suo trucco per portare in tavola la domenica il miglior piatto di fieno canepinese della zona, perché anche se sembra una pasta piuttosto semplice da preparare, nasconde qualche insidia qui e là, se si cuoce troppo ad esempio perde la sua struttura, se non si scola dall’acqua in eccesso si ammasserà, se il condimento non è quello giusto, perderete l’occasione di carpirne il sapore…per vostra fortuna, mentre Mr Fanelli in persona preparava il suo fieno mi ha svelato qualche trucchetto per preparare il maccarone perfetto e io, che sono un angelo, decido di rivelarvelo, perché ladies & gentleman avete la mia parola, questi maccaroni sono decisamente da provare!

fieno-castagne-boscaiola

Il trucco è piuttosto semplice, basta organizzarsi per tempo, dovete sempre considerare che questa è una pasta che cuoce solo 3 minuti, quindi dovrete essere pronti per scolarla e…versarla in boule di acqua e ghiaccio o di acqua freddissima, solo quando sarà completamente fredda potrete finalmente scolarla e disporla su un canovaccio, ovviamente il canovaccio su cui poggerete la pasta non deve essere stato lavato con detersivo (meglio bollirlo con acqua limone e bicarbonato e poi risciacquarlo bene per poi lasciarlo asciugare), tamponate poi l’acqua in eccesso e avrete i vostri maccaroni pronti per per essere utilizzati con il condimento che più preferite, questo processo vi permetterà non solo di fermare la cottura della pasta, ma anche di mantenere anche la sua struttura e perchè no, di preparare la vostra pasta in anticipo, potreste infatti conservarla, avvolta nel canovaccio, in frigorifero, quando sarà il momento di portarla in tavola, aggiungetela al condimento ben caldo, mescolate per qualche minuto, in modo che la pasta posso riscaldarsi e servite…rispondo subito alla vostra domanda “ma non si rischia di portare a tavola un primo tiepido?” no non c’è pericolo, il fieno canepinese è così sottile che si scalda in un attimo, non andando a freddare il condimento.

pasta-fanelli

Ora la smetto di parlare e vi lascio la ricetta, se passate da queste parti e riuscite a trovare i Maccaroni di Canepina di Mr Fanelli non lasciateveli scappare e provate a cucinarli, io il trucco ve l’ho detto, ve l’ho persino mostrato in video, non avete più scuse 😉

Print Recipe
Fieno di Canepina alle castagne alla boscaiola
fieno-castagne-boscaiola - ricetta
Tempo di preparazione 10 minuti
Tempo di cottura 15 minuti
Porzioni
4 persone
Ingredienti
  • 500 g Fieno di Canepina alle Castagne Pasta Fanelli
  • 300 g Funghi porcini a cubetti
  • 250 g Salsiccia
  • Sale
  • 1/2 cucchiaino Peperoncino
  • 2 cucchiai Olio extravergine d'oliva
  • Pepe nero
  • Ghiaccio
Tempo di preparazione 10 minuti
Tempo di cottura 15 minuti
Porzioni
4 persone
Ingredienti
  • 500 g Fieno di Canepina alle Castagne Pasta Fanelli
  • 300 g Funghi porcini a cubetti
  • 250 g Salsiccia
  • Sale
  • 1/2 cucchiaino Peperoncino
  • 2 cucchiai Olio extravergine d'oliva
  • Pepe nero
  • Ghiaccio
fieno-castagne-boscaiola - ricetta
Istruzioni
  1. Preparate una ciotola capiente con dell'acqua fredda e cubetti di ghiaccio, tenete da parte. Portate ad ebollizione una pentola capiente di acqua salata. Quando sarà arrivata a bollore versate il fieno di Canepina nell'acqua, mescolate e fate cuocere 3 minuti. Scolate il fieno di Canepina e versatelo immediatamente nell'acqua fredda con il ghiaccio, lasciate che la pasta si raffreddi, poi trasferitela su un canovaccio pulito e tamponate leggermente per asciugare l'acqua in eccesso, tenete da parte.
  2. In una padella capiente fate rosolare un l'olio con il peperoncino, aggiungete la salsiccia, privata della sua pelle e sbriciolata, lasciate cuocere fino a quando non sarà rosolata, poi aggiungete anche i funghi a cubetti e aggiustate di sale, lasciate cuocere fino a quando sia la salsiccia che i funghi non saranno perfettamente cotti.
  3. Una volta che il condimento sarà pronto aggiungete il fieno, che sarà ormai asciutto, saltate per 2 minuti al massimo e servite caldo, con una spolverata di pepe nero, macinato al momento

in collaborazione con Pastificio Fanelli

No Comments

Leave a Reply