Galaktobureko per Augurarvi Buon Anno…e tirare le somme di quello passato

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/e50/33325922/files/2015/01/img_7531.jpg

Per cominciare…Buon Anno!

Siamo alla fine di queste feste, ci siamo lasciati un anno alle spalle e ne abbiamo appena scartato uno nuovo, è tempo di bilanci, di riflessioni, di nuovo propositi.

Mi sono lasciata alle spalle un anno pieno, tanti progetti iniziati, altri solo pensati…bozze di un quadro che si completerà in parte nell’anno appena iniziato e in parte continuerà negli anni.

Questo è stato un anno di conoscenze, amiche nate in una cucina virtuale, amicizie consolidate, amicizie nuove, è stato l’anno in cui questo mio spazio qui nel web è riuscito a ritagliarsi un posto tutto suo, una palestra per la mia autostima, un’iniezione di coraggio nel mostrare a tutti, a testa alta, quali siano le mie passioni.

È stato l’anno in cui ho scoperto che la mia passione della cucina significava dediderio di capire, approfondire, per sapere cosa significhi mangiare veramente, mangiare bene, sano; l’anno in cui ho scoperto la fotografia, come scattare con cosa, ho spalancato porte che mai avrei pensato potessero così appassionarmi.

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/e50/33325922/files/2015/01/img_7529.jpg

Potrei dire che è stato l’anno in cui ho messo me stessa sotto la lente di ingrandimento ed ho provato a conoscermi un po’ di più.

Per iniziare l’anno scelgo di offrirvi un dolce non tipicamente Natalizio, un dolce scoperto con il Mio Dolce Doppio quest’estate quando eravamo alla scoperta dei cibi greci, un dolce che ci ha colpito per la sua semplicità e la sua bontà, quindi, nonostante tra i buoni propositi ci sia anche quello di inizire la dieta, direi che rimandiamo tutto a domani e ci mangiamo una fetta di Galaktobureko!

Io la ricetta giusta, tra tante, l’ho trovata qui.

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/e50/33325922/files/2015/01/img_7530.jpg

Per circa 8/10 persone (ma come sempre dipende dalle porzioni):

12 fogli di Pasta Fillo

1/2 litro di Latte

50 g di Zucchero di Canna

90 g di Semolino

2 Uova Medie

1 Cucchiaino di Estratto di Vaniglia

100 gr di Burro sciolto

Per lo Sciroppo:

150 g di Zucchero Semolato

90 g di Acqua

Cominciate con lo Sciroppo, Versate acqua e zucchero in un pentolino e fate bollire per circa 5/6 minuti, poi lasciate da parte.

Versare il latte e lo zucchero in un pentolino e Mettete sul fuoco, aggiungete l’estratto di vaniglia e 2 cucchiai di semolino e mescolate con una frusta, versate a pioggia tutto il resto del senolino e le uova, mescolate velocemente e continuate a cuocere fino ad ottenere una consistenza simile alla polenta, ma un po’ più liquida, togliere dal fuoco e lasciate stiepidire mettendo della pelkicola alimentare a contatto con il semolino in modo da mon far formare la crosta.

Ora imburrate una teglia e stendete il primo foglio di pasta fillo (il foglio dovrà essere sufficientemente grande da poter poi rigirare i bordi dopo che avrete messo la farcitura), sciogliete del burro al microonde e spennellate il primo foglio, mettere sopra un altro foglio e spennellate anche questo con il burro, procedete così fino ad avere 6 fogli per la base.

Una volta che avrete fatto la base versate il semolino e livellate, coprite con un foglio di fillo, spennellate con il burro fuso e aggiungete un altro foglio di pasta fillo, continuate così fino a terminare tutti i fogli, poi sigillate i bordi, per evitare che la farcia esca in cottura.

Ora con un coltello affilato fate dei tagli in superficie che corrisponderanno poi alle porzioni (una volta cotto non riuscirete a tagliare bene la superficie).

Spennellate altro burro e cuocete a 180º per circa 40 minuti o fino a quando non vedrete sarà bello dorato, sfornate e versate lo sciroppo poco per volta sulla superficie, poi lasciate raffreddare e…provate e ditemi se non vale la pena!!!

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/e50/33325922/files/2015/01/img_7528.jpg

2 Comments

  • Reply
    Galaktobureko - Cakes and Co.
    5 Novembre 2015 at 9:03

    […] come ho fatto io. Vi voglio parlare, invece, della sua ricetta che ho scelto di rifare ossia il Galaktobureko. Il galaktobureko è un dolce greco che, a discapito del nome un po’ ostico, vi assicuro è […]

  • Reply
    manutenzionepiscina
    8 Gennaio 2015 at 17:52

    Sicuramente buonissimo!

  • Leave a Reply